Sogno di una notte d’estate

Il progetto Sogno di una notte d’estate

Il progetto “Sogno di una notte d’estate” nasce dall’esigenza del cliente di offrire ai propri dipendenti e collaboratori una serata conviviale e culturale. Ho curato l’immagine dell’evento, che si è svolto presso le sale della Galleria Nazionale dell’Umbria alla presenza del Sindaco di Perugia.

Mi sono occupato di:

Copywriting
Project Management
Graphic design
Content Editor

Sogno di una notte d'estate

Sogno di una notte d’estate

La Galleria Nazionale dell’Umbria

Le sue origini si intersecano con la nascita dell’Accademia del disegno, che intorno alla seconda metà del XVI secolo aveva sede nel Convento degli olivetani a Montemorcino, nella quale vennero raccolti una prima parte di disegni e dipinti.
A causa della soppressione degli ordini religiosi imposta dapprima dall’impero napoleonico e poi dal Regno d’Italia, tra la fine del XVIII secolo e la metà del XIX, il materiale raccolto aumentò notevolmente in quanto le opere artistiche di maggior pregio passarono in proprietà allo Stato, andando così ad integrare (quando non furono disperse tra i musei di tutto il mondo) la raccolta dell’Accademia.
Nel 1863 fu istituita una pinacoteca civica intitolata a Pietro Vannucci, ma il problema a quel punto era quello di trovare una sede adeguata per tutto il materiale raccolto.
Nel 1878 la pinacoteca lasciò la vecchia sede dell’Accademia e fu trasferita al terzo piano del palazzo dei Priori.
Ampliata con acquisti e donazioni, nel 1918 assunse la denominazione di Regia galleria Vannucci. Nel corso degli anni sono stati ricavati nuovi spazi espositivi, concessi in uso dal Comune e l’esposizione museale odierna è organizzata in sequenza cronologica e articolata per scuole. Alcune sale del terzo piano sono adibite ad uso esclusivo di mostre temporanee di carattere artistico o culturale in genere.